USCIRE DALLA CRISI

Uscire dalla crisi si può?

Sento sempre più parlare di crisi, di mancanza di lavoro e di opportunità per i giovani.
Sarò impopolare, ma la crisi più grande che vedo è quella di valori e di voglia di mettersi in gioco, almeno parlo per noi giovani.
Capisco le generazioni dei nostri genitori, che hanno sempre fatto lo stesso lavoro per tutta la vita, hanno delle convinzioni ben radicate e sono spaventati a morte da questo spostamento dei soldi e del lavoro su Internet, per loro è tutto molto più difficile, anche se non impossibile.
Ma per noi io vedo millemila nuove opportunità, se si ha voglia di superare le difficoltà e investire tempo e soldi in formazione.

Nella mia esperienza ho imparato che le cose sulle quali mi concentro crescono, e quindi quando ho percepito un problema, in questo caso la “crisi” e la mancanza di lavoro, ho cercato le soluzioni invece di lamentarmi e basta.
Chiediti “Dove sono le soluzioni a questa crisi? Cosa posso fare per uscirne?”
Nel mio caso, ho intuito che i soldi e il lavoro si stavano sempre più spostando su Internet, ne ho intravisto le grandi potenzialità e ho iniziato ad informarmi e a studiare.
Poi ho iniziato a mettere in pratica, provato varie formule, alcune validissime ma che non rispecchiavano in pieno quello che volevo fare, altre meno, ma ho cercato, ho tentato e alla fine ho trovato quello che faceva per me.

La mia scelta è stata diventare imprenditrice di me stessa, e a questo punto mi serviva qualcuno da cui imparare le competenze che mi mancavano, così ho investito ancora più tempo e soldi, per diventare la persona che poteva realizzare quello che avevo in mente.
Per farti un esempio, ho notato che tante informazioni preziose che mi servivano erano sui libri in lingua originale e non sono stati tradotti, e io per averle ho pagato soldoni in corsi. A un certo punto non avendo più risorse economiche da investire e volendo comunque specializzarmi ancora di più, ho deciso che avrei imparato l’inglese e le informazioni me le sarei andata a prendere comunque. Ci ho messo più tempo, perché dovevo studiare una lingua nuova oltre al resto del lavoro, ma alla fine ho vinto io.

Là fuori è pieno di gente che grida alla crisi e lentamente muore intrappolata in una vita e in un lavoro che non la soddisfa perché continua a ripetersi che “c’è la crisi” o “tanto non sono capace”.
Eppure basterebbe davvero decidere di uscire da questa spirale di mancanza, farsi le giuste domande, chiedere aiuto, affidarsi a qualcuno che ci può aiutare a guardare oltre e migliorarci, per diventare le più straordinarie in quello che facciamo.
Se vuoi diventare un imprenditrice di successo devi imparare ad aprire la mente, apprendere cose nuove ogni giorno e diventare la migliore versione di te stessa.
E quando ti capita di lamentarti, fermati, chiediti “Cosa posso fare per uscirne?”, crea una soluzione e impegnati a realizzare le cose nonostante gli ostacoli.

Supererai qualsiasi tipo di crisi, te lo assicuro!

Sei daccordo? Se ti va, dimmelo sotto nei commenti

Imprenditrici Creative di Successo: Giada Carta

Eccoci con un altro esempio pazzesco di imprenditrice creativa che ha fatto della sua missione un lavoro più che redditizio, dimostrando che non è vero che i fatturati a sei cifre si possono fare solo in America. Giada è una Soulful Mentor e aiuta le donne ad avere successo nel lavoro senza rinunciare al tempo

Leggi Tutto »

Marketing, che paura!

Chissà quante volte, solo a sentir nominare la parola “Marketing” hai storto il naso, il cuore ha iniziato ad accelerare e hai pensato “Io non voglio essere uno di quei venditori insistenti da cui tutti stanno alla larga!”, o ancora “Fare marketing non è una cosa per persone spirituali”.Calma, fai un bel respiro e ripeti

Leggi Tutto »
bisogni e desideri@silvia usai

Soddisfi desideri o bisogni?

Una delle basi per fare marketing in modo etico e che ti rappresenta è riflettere sulla differenza tra i bisogni e i desideri. Partiamo dalle definizioni che Wikipedia ci dà dei due termini: Desiderio -> è uno stato di affezione dell’io, consistente in un impulso volitivo diretto a un oggetto esterno, di cui si desidera

Leggi Tutto »
Torna su